Aspettando Soldado: rivediamo Sicario, di Denis Villeneuve

Sicario

In attesa di Soldado, debutto nel cinema americano del nostro Stefano Sollima, rivediamo insieme Sicario, di Denis Villeneuve.

Sicario: il narcotraffico tra Messico e Stati Uniti secondo Denis Villeneuve

Nel 2015, dopo la presentazione al Festival di Cannes, usciva al cinema Sicario, tesissima pellicola sulla lotta ai cartelli della droga diretta dal regista canadese Denis Villeneuve (Prisoners, Blade Runner 2049).

Il successo riscosso dal film, scritto da Taylor Sheridan (Hell or high water), fu tale da convincere i produttori a realizzare un sequel/spinoff (Soldado). E, possibilmente, un terzo lungometraggio, creando così una sorta di trilogia antologica.

Trama della pellicola di Villeneuve

In Soldado torneranno due dei protagonisti della prima storia: Matt Graver (Josh Brolin) e Alejandro Gillick (Benicio del Toro). In Sicario Graver era a capo di una task force del Dipartimento di Giustizia, creata per arrestare il luogotenente del Cartello di Sonora: Manuel Diaz. Sicario

Alejandro era invece un personaggio misterioso, ufficialmente reclutato per l’operazione in qualità di consulente, per via della propria esperienza sul campo.

La protagonista del primo film, che tuttavia non comparirà in Soldado, era Kate Macer (Emily Blunt), talentuosa agente FBI suggerita dai suoi superiori a Graver.

Entrando a far parte della task force, Kate scoprirà un mondo molto più violento e spietato di quanto potesse immaginare. Si renderà conto che per contrastare i cartelli e le loro lotte interne per il controllo del narcotraffico, uomini come Graver e Alejandro devono ricorrere a metodi che vanno ben oltre la legalità. Metodi che includono anche la tortura. Sicario

In particolare, la collaborazione tra i due è finalizzata all’uccisione del vero capo di Sonora: il boss Fausto Alarcon. Questi è il mandante delle stragi di intere famiglie, in un modo o nell’altro avverse al cartello, tra cui quella dello stesso Alejandro.

Viene così svelato il motivo del suo reclutamento: il personaggio di del Toro aveva bisogno dell’esercito statunitense per compiere la propria vendetta. Si sarebbe così “sporcato le mani” al posto di Graver e dei suoi, permettendogli di raggiungere i propri scopi.

Al momento non sappiamo ancora se Soldado sarà ambientato prima o dopo gli eventi raccontati in Sicario. Non resta altro da fare che attendere un primo trailer che possa darci qualche indizio al riguardo…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi