Leonardo DiCaprio: lo scapolo d’oro di Hollywood compie 43 anni!

Leonardo DiCaprio compleanno

Tanti auguri a Leonardo DiCaprio che, dal dolce Jack Dawson al redivivo Hugh Glass, dopo vent’anni di cinema riesce ancora a stupirci e conquistarci.

Leonardo DiCaprio: nato per recitare

La strada di Leonardo DiCaprio sembra essere stata segnata fin dall’inizio. L’attore infatti nasce proprio a Hollywood, l’11 novembre del 1974, ed è per metà italiano e metà tedesco. La famiglia del padre, George DiCaprio, viene infatti da Caserta, mentre la madre, Irmelin Indenbirken, è nata nel nord ovest della Germania. È stata proprio la madre a raccontare di aver scelto il nome Leonardo in onore di Leonardo Da Vinci. Il piccolo Leo infatti avrebbe scalciato nella pancia della mamma mentre la donna stava ammirando un’opera dell’artista italiano nella Galleria degli Uffizi di Firenze.

La carriera di Leonardo inizia quando lui ha soli tre anni. Prima con gli spot pubblicitari e poi con le sitcom: Leonardo si fa notare fin dalle sue apparizioni nelle serie televisive Genitori in blue jeans e Santa Barbara. Il primo ruolo sul grande schermo arriva nel 1993 con il b-movie Critters 3, mentre a soli 16 anni ottiene la parte del figliastro di Robert De Niro in Voglia di ricominciare. De Niro rimane subito colpito dal talento del giovane attore e, anni dopo, sarà proprio lui a raccomandarlo al regista Martin Scorsese.

I primi riconoscimenti arrivano però con Buon compleanno Mr. Grape di Lasse Hallström. Leonardo interpreta il fratello minore di Johnny Depp, un giovane mentalmente ritardato fin dalla nascita. Grazie alla sua performance l’attore, all’epoca appena diciannovenne, ottiene una nomination ai Golden Globe e la sua prima nomination agli Oscar.

Titanic: la consacrazione e il peso del successo mondiale

Poco più che ventenne, nella prima metà degli anni Novanta DiCaprio recita in diversi film, alcuni rivelatisi dei flop ma molti diventati veri e propri cult, come Romeo + Giulietta di Baz Luhrmann e La stanza di Marvin, accanto a Meryl Streep. Il successo e la consacrazione arrivano però nel 1997, quando James Cameron lo sceglie per il suo colossal Titanic. Leonardo è Jack Dawson ed è destinato a rimanere per sempre nei cuori di migliaia di fan in tutto il mondo. Il film vince 11 premi Oscar, ma nessuno di questi va a DiCaprio. Sul set Leonardo stringe amicizia con la co-protagonista Kate Winslet, un’amicizia che dura tutt’oggi e che li unisce profondamente.

Il dopo Titanic non è così rose e fiori come ci si aspetterebbe. Leonardo prende parte a uno degli episodi di Celebrity di Woody Allen, film che però non convince completamente. Nel 1998 interpreta poi i due gemelli protagonisti de La maschera di ferro, pellicola con la quale si aggiudica il premio per la peggior coppia del grande schermo ai Razzie Awards. Otterrà un altro Razzie con The Beach di Danny Boyle, film bocciato sia dal pubblico ma soprattutto dalla critica.

L’incontro con Martin Scorsese

Il regista Martin Scorsese ascolta il consiglio dell’amico De Niro e decide di dare una possibilità al giovane DiCaprio. I due stringono un vero e proprio sodalizio che porterà sul grande schermo ben 5 film.  Dopo essere stato il furbetto Frank Abagnale Jr. in Prova a prendermi di Steven Spielberg, Leonardo gira il suo primo film con Scorsese, Gangs of New York. I due poi regalano al pubblico altri capolavori: The Aviator, dove DiCaprio interpreta il miliardario Howard Hughes, ma soprattutto The Departed – Il bene e il male. Con un cast davvero d’eccezione, il film si aggiudica quattro Oscar, ma ancora una volta nessuna di questi è per Leonardo.

Il lungo sodalizio con Scorsese si interrompe di tanto in tanto, in modo che l’attore possa sperimentare generi differenti. Prima di Shutter Island infatti, Leonardo prende parte a tre film di tre registi diversi, ma tutti di grande successo: Blood Diamond – Diamanti di sangue, Nessuna verità e Revolutionary Road. Dopo il thriller psicologico di Scorsese è invece la volta di Christopher Nolan, che lo dirige in Inception. Seguono poi Clint Eastwood con il biografico J. Edgar, Quentin Tarantino con Django Unchained e il vecchio amico Baz Luhrmann con Il Grande Gatsby. Nel 2013 Scorsese lo rivuole con sé per raccontare la storia dello spregiudicato broker newyorkese Jordan Belfort in The Wolf of Wall Street.

Grandi registi, grandi film ma nessun Oscar. Nonostante le sue strabilianti interpretazioni, DiCaprio non riesce ad ottenere ancora la tanto ambita statuetta.

L’Oscar e l’impegno sociale

Nel 2015 l’attore incontra Alejandro Gonzàlez Inàrritu, che lo vuole per interpretare il cacciatore di pelli Hugh Glass nel suo Revenant – Redivivo. Il film è un successo: regia fantastica, fotografia sensazionale e nomination come Miglior attore protagonista per Leonardo. Sembra essere la volta buona, e lo è davvero. Dopo cinque candidature, DiCaprio conquista finalmente il suo primo Oscar.

Nel corso della sua carriera Leonardo DiCaprio si è impegnato attivamente per la salvaguardia dell’ambiente. Nel 2016 ha infatti presentato al Toronto International Film Festival il suo documentario Punto di non ritorno – Before the Flood, dove racconta il suo viaggio in giro per il mondo per mostrare quali sono le reali condizioni ambientali del nostro pianeta.

Bello, bravo, attivista e ambasciatore ONU: Leonardo DiCaprio sembra avere tutte le caratteristiche del principe azzurro. Eppure è ancora single. Oltre infatti ad averci regalato performance fantastiche, l’attore è noto in tutto il mondo per le sue innumerevoli fidanzate, tutte bionde e modelle.

Non sappiamo se prima poi il dongiovanni Leonardo metterà la testa a posto. Quel che è certo è che qualsiasi impresa deciderà di intraprendere, sarà un successo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi