Buon compleanno Walt Disney, amico dei giorni più lieti

Walt Disney Buon Compleanno

Il 5 dicembre del 1901 nasceva Walt Disney. Ciò che ha fatto nel corso della sua carriera lo ha reso una delle maggiori personalità del ventesimo secolo.

“Amo Topolino più di qualsiasi donna abbia mai conosciuto” (Walt Disney)

Molto spesso ci si trova in imbarazzo nel dover rispondere alla domanda: “Chi, secondo te, ha rivoluzionato maggiormente la storia del cinema?“. I nomi che solitamente giungono alla mente sono quelli dei più importanti cineasti e attori internazionali, da Spielberg a Scorsese, passando per Francis Ford Coppola e Woody Allen. Ognuno ha la propria risposta, c’è poco da fare. Ma, se andiamo ad allargare la nostra mente, potremmo individuare un personaggio che ha saputo abbracciare il più elevato numero di persone nel corso della propria carriera (e anche dopo la sua morte). Le ha messe tutte d’accordo poiché nessuno, o quasi, potrebbe negare la sua importanza in ambito cinematografico. Ci riferiamo a Walt Disney, nome che identifica il maggior animatore della storia della Settima Arte.

Si prova anche una certa emozione nel tentare di concentrare nella propria mente tutto il lavoro portato avanti da Walt Disney. Tutto ciò che ha preso vita attraverso il suo operato ha caratterizzato l’infanzia di milioni di bambini, allietando i loro anni più belli e facendo sì che questi crescessero con ricordi e sogni bellissimi.

Nel suo universo, quello dell’animazione, non ha avuto eguali e, molto probabilmente, continuerà a non averne anche in futuro. Se poi consideriamo le storie narrate nelle sue opere, probabilmente il “non ha eguali” potrebbe allargarsi anche al cinema classico. Attraverso il suo lavoro ha dimostrato quanto ogni emarginato possa avere qualcosa di positivo da offrire al prossimo, meritando quindi la possibilità di riscattarsi. Questi potevano avere le sembianze di uomini, oggetti o animali, finendo quindi per far viaggiare a gran velocità la fantasia degli spettatori.

Un altro genio, Albert Einstein, alla domanda “Cosa ammira maggiormente del cinema americano?” rispose citando tre nomi, includendo a questi quello di Walt Disney. Gli altri due erano Charlie ChaplinErich von Stroheim.

I sogni son desideri di felicità: i grandi classici

Per quanto a molti di noi sembrino passati non troppi anni da quei pomeriggi spensierati, trascorsi a guardare i classici di Walt Disney, la realtà è ben altra. Era addirittura il 1937 quando esordiva a livello internazionale Biancaneve, il primo lungometraggio di “zio Walt”. Lo straordinario successo ottenuto con quell’opera, gli permise di dar vita ai Walt Disney Studios, aperto appena due anni dopo.

Nel 1940 fu la volta di Pinocchio, un altro classico che entrò sin da subito nel cuore della gente. Dopodiché, a cadenza quasi annuale, arrivarono nelle sale i più bei cartoni di sempre. Sarebbe impossibili citare tutti i titoli in questo articolo ma basta pensare ad alcuni tra i maggiori capolavori della filmografia disneyana per avere il cuore colmo di ricordi ed emozione.

Che dire, ad esempio, della bellezza di Dumbo (1941) e di Bambi (1942)? Ricordiamo poi Cenerentola ed i suoi topini, Peter Pan e la voglia di rimanere sempre bambino, oppure gli Aristogatti ed il jazz che ribolliva nelle loro vene. Bisognerebbe non dimenticare mai la commozione mista alle risate, scaturite dalla visione de La Bella e la Bestia (1991), Aladdin (1992), Il Re Leone (1994) o Il gobbo di Notre Dame (1996).

Insomma, la lista è davvero lunga e noi vi invitiamo a consultarla QUI per farvi lontanamente un’idea di quanto abbia significato Walt Disney per il cinema d’animazione.

Topolin, Topolin, viva Topolin!

Canzoni, frasi e personaggi che non si possono dimenticare, neanche in una vita intera. Ma chi è che per Walt Disney ha rappresentato il centro di tutto? Senza dubbio Topolino. Proprio il personaggio creato nel 1928 è divenuto, nel corso dei decenni, una delle personalità più celebri e influenti del mondo. A testimonianza di ciò, ricordiamo l’Oscar onorario consegnato a Walt Disney “solo” per aver dato forma e voce a Mickey Mouse. C’è da dire, infine, che proprio il simpatico personaggio tutto orecchie e guanti bianchi, viene spesso identificato come l’alter ego di Walt.

Dopo esserci concessi un po’ di tempo per tornare bambini, vi ricordiamo di tenere d’occhio la programmazione natalizia relativa ai cartoni Disney che verranno trasmessi in tv durante le festività natalizie (QUI).

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi