Dawson’s Creek, vent’anni dalla prima puntata sulle note di “Adouonouei”

Dawson's Creek

Sono passati vent’anni dalla prima puntata Dawson’s Creek, ma ancora oggi James Van Der Beek (Dawson Leery) con le sue facce e le sue battute continua a piacere tanto da diventare un meme.

Dawson’s Creek: se solo quella scala potesse parlare

Era il 20 gennaio 1998 quando un’ acerba ragazzina dai bellissimi occhi blu, i capelli neri e il sorriso un po’ impacciato e malizioso (Katie Holmes) si arrampicava su una lunga scala appoggiata alla finestra di una splendica e tipica casa americana per entrare nella camera di quello che scopriremo essere il suo migliore amico.

Da lì a poco quel suo peregrinare avanti e indietro nella cameretta più spiata e più melodrammatica di sempre l’avrebbero resa una delle attrici più famose di Hollywood, tanto da arrivare ad un matrimonio con Tom Cruise.

Era il 20 gennaio 1998 quando Capeside, una tranquilla e piccola cittadina del Massachusetts divenne teatro dei drammi adolescenziali di quattro ragazzini alle prese con i primi amori e il cosidetto “diventare grandi”.

Era il 20 gennaio 1998 quando negli Stati Uniti andava in onda la prima puntata di Dawson’s Creek e da allora sono passati 20 anni. Figlia di Berverly Hills 90210 e sorella maggiore di The O.C., Dawson’s Creek è per tutti i nati negli anni ’80 come me, La Serie dell’adolescenza, quella di cui parlavi con gli amici il giorno dopo a scuola, quella di cui ancora a distanza di 20 anni non sai di preciso cosa dicesse la sigla, perchè per te era chiaro, diceva: “Adouonouei uonelai tu bi oveer…”

Un po’ di curiosità che pochi sanno

La serie, creata da Kevin Williamson venne trasmessa oltreoceano dal network The WB e fu mandata in onda da noi su Italia 1. Divenne ben presto un fenomeno popolare, sicuramente lontana e ben diversa da Beverly Hills 90210, ma seppur con qualche difetto, i quattro protagonisti dal linguaggio così forbito e a tratti irrealistico per degli adolescenti con i loro temi considerati 20 anni fa alquanto scottanti, entrano di diritto tra i teen drama più chiacchierati e conosciuti di sempre.

La trama arriva direttamene dall’adolescenza dello stesso Williamson: la storia è quella di un liceale appassionato e ossessionato dal cinema e dalla brunetta che abitava in fondo al fiume, con cui divideva platonicamente il letto. Anche la cittadina (immaginaria) rappresenta il piccolo paese in cui è cresciuto il regista e la serie è stata girata a Wilmington nel North Carolina. Esiste comunque una cittadina chiamata Dawson’s Creek: si trova in Canada non lontano da Vancouver, città natale di Pacey (Joshua Jackson).

E la passione di Dawson per Steven Spielberg? deriva sempre da Williamson ed è proprio per questo che il regista ha arredato e tappezzato le parti della stanza del ragazzo con i poster del padre di E.T.. Van Der Beek ha rivelato di aver incontrato Spielberg a una partita dei Lakers e pare che quest’ultimo gli abbia detto: “Mi piacciono i poster della tua stanza”.

Ve lo ricordate il bacio nella finale della terza stagione tra Jack (Kerr Smith) e Ethan (Adam Kaufman)? Bhe ci credereste se vi dicessimo che quello è stato il primo bacio gay andato in onda in prima serata sulla TV americana? Già, proprio così. E bravi i nostri amici di Dawson’s Creek.

Con tutti i bellissimi baci che ci sono stati nella serie non ci resta che lasciarvi con il nostro preferito (o almeno il mio).

Io ti sento Pacey

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi