Emmy 2017, Miglior Attrice Protagonista e Non: favorite e nomination

Emmy Awards 2017

Pronostici e nomination con analisi sui nomi favoriti agli Emmy Awards 2017 per le categorie Miglior Attrice Protagonista e Non Protagonista nelle serie tv.

Emmy Awards 2017, sfida di altissimo livello tra serie comedy e drama

Manca poco meno di una settimana all’appuntamento con gli Emmy Awards 2017. Sei giorni durante i quali affronteremo un’analisi delle categorie più importanti della cerimonia, prevista per il 17 settembre al Microsoft Theatre di Hollywood. Nella notte tra domenica e lunedì conosceremo i nomi delle serie tv e degli attori che maggiormente hanno contribuito a rendere di altissimo livello la stagione televisiva appena trascorsa.

Se in un articolo precedente abbiamo elencato tutte le nomination relative agli Emmy Awards 2017, oggi vogliamo concentrarci sulla categoria Miglior Attrice Protagonista. Come molti ben sapranno, esistono poi alcune distinzioni da fare a riguardo: è infatti prevista una premiazione per la miglior attrice in una serie drammatica, in una serie commedia, in una miniserie e, per chiudere il cerchio, è previsto un premio anche per la miglior attrice non protagonista nelle tre sezioni appena accennate.

Tante categorie, nelle quali però non spicca alcuna favorita, a testimonianza di quanto alto sia il livello di interpretazione di tutte le attrici nominate.

Miglior Attrice Protagonista, The Handmaid’s Tale cala i suoi assi e punta al trionfo

Iniziamo dalla Miglior Attrice Protagonista in una Serie Drammatica. In questo caso, prevedere l’assoluta vincitrice rappresenta una vera e propria impresa ma proveremo ad analizzare la sestina delle candidate e quindi a fare un’ipotesi a riguardo. Partiamo da Claire Foy, interprete principale di The Crown. Per il suo ruolo nella serie originale Netflix, l’attrice ha già trionfato ai Golden Globe, e questo non può che far crescere le possibilità di vederla vincente anche agli Emmy Awards 2017. La concorrenza però, non è delle più semplici e, da gennaio ad oggi, ovvero da quando sono andati in onda i Golden Globe, ne è passata di acqua sotto i ponti.

Ad esempio, sulla piattaforma Hulu ha esordito The Handmaid’s Tale, serie tv di altissimo livello, la cui protagonista è una Elisabeth Moss in stato di grazia. Potrebbe davvero essere lei la vincitrice in questa categoria, a discapito di colleghe di indiscutibile talento come Evan Rachel Wood (Westworld), Viola Davis (Le Regole del Delitto Perfetto) e soprattutto Robin Wright (House of Cards) che, dopo ben tre nomination consecutive, meriterebbe sicuramente un riconoscimento per il suo storico personaggio, Claire Underwood. Meno probabile, infine, la vittoria di Keri Russell per The Americans.

Spostando l’attenzione alla categoria Miglior Attrice Protagonista in una Serie Commedia, ci troviamo di fronte a sei attrici ben distinte ma ugualmente capaci di mettersi in gioco con ruoli esilaranti, regalandoci sorrisi, risate e, perché no, anche qualche lacrimuccia. Molto quotati sono i nomi di Jane Fonda e Lily Tomlin, splendide protagoniste di Grace and Frankie. Prossime a compiere ben 80 anni, le due attrici riescono a stupire il pubblico ad ogni stagione della serie tv di casa Netflix. A dir poco travolgente è poi l’interpretazione di Ellie Kemper nella spassosa serie comedy Unmbreakable Kimmy Schmidt, di cui è assoluta protagonista.

Julia Louis-Dreyfus, quinta statuetta consecutiva in arrivo?

La capacità di immedesimarsi al meglio nel suo personaggio, basterà per vederla trionfare sul palco degli Emmy Awards 2017? Di certo, l’unico ostacolo tra lei e la statuetta, è rappresentato da due attrici: la prima, Julia Louis-Dreyfus, è protagonista di Veep e punta a conquistare il premio per la quinta volta (!!!) consecutiva; la seconda, Tracee Ellis Ross, è protagonista di Black-ish ed è la vincitrice in carica del Golden Globe come miglior attrice in una serie commedia. Risulta decisamente più difficile ipotizzare la vittoria di Pamela Adlon (Better Things) o Allison Janney (Mom).

Procediamo la nostra analisi spostandoci nella categoria Miglior Attrice Protagonista in una Miniserie. In questo caso non vorremmo mai essere nei panni di chi dovrà scegliere chi premiare agli Emmy Awards 2017. Se quella appena trascorsa ha rappresentato una delle stagioni seriali più belle degli ultimi anni, lo dobbiamo anche alle attrici presenti in questa categoria. Iniziamo da Big Little Lies, serie tv la cui prima stagione, di appena sette episodi, ha accolto le ottime interpretazioni di Nicole Kidman e Reese Witherspoon, entrambe candidate per il prestigioso riconoscimento.

Le due dovranno però fare i conti con una coppia a dir poco strepitosa, eccelse nei loro ruoli da protagoniste in Feud: Bette and Joan, ovvero Susan Sarandon e Jessica Lange. E se nella serie tv diretta da Ryan Murphy, le due hanno riportato sul piccolo schermo due indimenticabili dive del passato come Bette Davis e Joan Crawford, nel presente sono loro a rappresentare due veri e propri miti del cinema e della televisione mondiale. Meno favorite, seppur indiscutibilmente bravissime, sono invece Felicity Huffman (American Crime) e Carrie Coon (Fargo).

Per quanto riguarda la categoria relativa alla Miglior Attrice Non Protagonista, consideriamo assolute favorite: Ann Dowd per il ruolo di Zia Lydia in The Handmaid’s Tale (serie drammatica); Kate McKinnon per i suoi personaggi nel Saturday Night Live (serie commedia); Regina King per il ruolo di Kimara Walters in American Crime (Miniserie).

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi