Harry Potter – The Exhibition: la nostra esperienza alla mostra di Milano

Harry Potter - The Exhibition Milano 2018

Harry Potter – The Exhibition, la mostra dedicata al maghetto più amato del cinema e della letteratura, sarà visitabile a Milano fino a settembre!

La mostra dedicata a Harry Potter è aperta tutti i giorni a Milano!

In questo momento, a Milano, si stanno svolgendo ancora le visite per l’esclusiva mostra di Harry Potter iniziata il 12 maggio. Presentata già nelle città di Boston, New York, Sydney, Seattle, Chicago, Parigi, Bruxelles e Madrid, in occasione dell’annuale A celebration of Harry Potter tenutosi a Toronto, James e Oliver Phelps, attori che hanno prestato il volto ai fratelli Weasley all’interno della saga, avevano annunciato Milano come luogo ideale per ospitare la diciannovesima edizione della mostra Harry Potter the exhibition, in quanto “hub di creatività e design”.  

La stessa Anna Scavuzzo, vicesindaca della città di Milano, durante la conferenza di presentazione dell’evento, aveva parlato della mostra come di un progetto ambizioso e transgenerazionale, “capace di coinvolgere tutte le fasce d’età”.

Come luogo adibito all’allestimento di Harry Potter the exhibition è stata scelta La fabbrica del vapore, storica struttura di Via Procaccini dove, in uno spazio di 1600 metri quadrati, gli appassionati della saga Fantasy possono rivivere, in modo emozionante, le atmosfere fiabesche della saga della Rowling. Nelle numerose sale preposte alla mostra – 9 in tutto – i visitatori potranno ammirare gli oggetti di scena, i costumi e i modelli delle creature realizzati per le riprese.

Pochi, infatti, sanno che, durante la preparazione dei film, sebbene nelle intenzioni degli sviluppatori ogni creatura fantastica dovesse prendere forma esclusivamente attraverso l’ausilio della computer grafica, per ognuna di queste è stato comunque realizzato un modello a grandezza naturale, foggiato e realizzato sulla base di un disegno.

Questo per raggiungere una maggiore fedeltà e cura anche rispetto ai dettagli più minuti.

È il caso di Fierobecco, il maestoso ippogrifo di Hagrid, di cui ogni piuma è stata lavorata e rifinita a mano; dei mostruosi ragni giganti Aragog; dell’elfo domestico Dobby, e del drago spinato ungherese, la cui vista ispira un senso di stupita e terrificante meraviglia.

I visitatori potranno inoltre ammirare la riproduzione del Calice di fuoco, della Pietra della resurrezione, della leggendaria Bacchetta di sambuco, e delle inquietanti divise dei Mangiamorte.

A impreziosire l’atmosfera, alcuni divertenti momenti interattivi, come l’assegnazione iniziale alle quattro casate di Hogwarts, dopo aver indossato il cappello parlante; il lancio della pluffa, nell’area adibita al Quiddich; l’ingresso nella capanna di Hagrid, con la possibilità di farsi una foto seduti sulla sua gigantesca poltrona; e l’estrazione delle mandragole dai propri vasi, con il suono del loro grido stridulo riprodotto fedelmente.

  • Harry Potter - The Exhibition Milano 2018

Ammirevoli anche alcuni espedienti scenografici notevolmente suggestivi, come i lembi delle vesti dei dissennatori che svolazzano dai loro oscuri profili; le ombre animate e spaventose della Foresta proibita; i quadri della scuola di Hogwarts, con il personaggio di Fortuna Meyer, in uno strabiliante effetto multimediale.

Ogni effetto scenografico è curato nei minimi particolari; e l’impiego di mezzi multimediali, non è mai barocco, bensì parsimonioso e poco invadente, adoperato brillantemente per rendere l’atmosfera di questo magico mondo ancora più nitida.

È possibile visitare la mostra fino al 9 settembre: aperta tutti i giorni dalle 10 alle 22, a eccezione del lunedì, in cui si terrà invece dalle 15 alle 22, e il venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 23. 

I biglietti sono disponibili a un costo di diciotto euro e novanta per gli adulti e di sedici euro e novanta per i bambini, subendo, in alcuni giorni, delle variazioni.

Affrettatevi, dunque, ad acquistarli, e tuffatevi anche voi in questo fantastico mondo.

Un’interessante curiosità, rivelata esattamente nel corso di questa mostra: se, durante la visione dei film, vi eravate chiesti cosa conferisse alla spada di Grifondoro quell’alone di luce quasi mistico e fiabesco, la risposta è che il modello della leggendaria arma è stato realizzato interamente in una particolare resina placcata in metallo, con delle scanalature in cui incastonare le pietre.

In questo modo, quando la luce attraversa la spada, gli conferisce anche questa strana e fantastica luminescenza.

Prima di lasciarvi, vi invitiamo a leggere il nostro omaggio ad Harry Potter, scritto in occasione del suo 21esimo compleanno: QUI.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi