“Humans of New York” debutta su Watch

Humans of New York

Humans of New York, il seguitissimo blog del fotografo Brandon Stanton, è diventato una serie a episodi trasmessa su Watch, la piattaforma di Facebook.

Humans of New York è una delle prime produzioni originali finanziate da Facebook per Watch

Diciotto milioni di seguaci su Facebook, sette milioni su Instagram, più due libri finiti nella classifica del New York Times dei bestseller. Un fenomeno mondiale che Brandon Stanton, partito  da solo nel 2010 con al collo la sua  macchina fotografica non si aspettava.

Parla del potere che hanno le persone, di come internet può rendere migliore il mondo, di come in giro ci siano persone magnifiche e di come tutto può cambiare, sempre, in un istante.

Humans of New York

Le sue sono storie brevi, storie di persone qualunque: un vero e proprio catalogo del mondo. “Humans of New York” raccoglie un’eccezionale galleria di immagini con più di 5 mila ritratti di uomini, donne e bambini immortalati mentre camminano e sostano lungo le strade della Grande Mela e, dal 2014, del mondo.

A ognuno di loro Brandon chiede di raccontare un frammento di vita, un’emozione, un aneddoto. E così “Humans of New York”, il cui acronimo è Hony, è diventato anche un coro di voci commoventi.

I volti e le storie di Hony sono un biglietto da visita emotivo che non vediamo l’ora di condividere con le persone che conosciamo. Stanton con Hony è stato in grado di trasformare qualunque abitante di New York in un personaggio unico e inimitabile.

12 puntate di emozioni semplici e uniche

Le 12 puntate di mezz’ora ciascuna, che vengono trasmesse su Watch, nuovissima piattaforma video-streaming di Facebook, una volta alla settimana, raccontano conversazioni sempre sorprendenti e mai scontate. Davanti allo sfondo della Grande Mela filmata dal direttore della fotografia Michael Crommett.

Produttore esecutivo è la candidata agli Oscar Julie Goldman, che ha al suo attivo film come Life, Animated e Weiner.

“Quando Facebook si e fatto avanti non ho esitato” ha riportato Stanton all’Hollywood Reporter: “Il social ha avuto un ruolo importante nella realizzazione di ‘Humans of New York’. Due terzi dell’audience di Facebook vive fuori dagli Usa”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi