Il Bene Mio, recensione: il film tra le migliori opere italiane del Festival di Venezia

Il Bene Mio - Festival di Venezia 2018

Il Bene Mio, film diretto da Pippo Mezzapesa e presentato al Festival di Venezia 2018, arriverà nelle sale italiane il 4 ottobre.

Sergio Rubini è il protagonista de Il Bene Mio

Pippo Mezzapesa, Sergio Rubini e il direttore della fotografia Giorgio Giannoccaro regalano alla 75esima Mostra del Cinema di Venezia una delle migliori opere italiane viste finora. Coadiuvato ovviamente da un prezioso script elaborato con la fidata Antonella Gaeta e con Massimo De Angelis, il regista, al suo secondo film di finzione dopo apprezzati corti e docufiction (tra i quali il gioiellino Pinuccio Lovero – Sogno di una morte di mezza estate) e l’esordio incerto nel 2011 con Il paese delle spose infelici, raggiunge il suo principale obiettivo: emozionare la platea con una storia realistica che pur non avendo elementi fantastici sprigiona qualcosa di magico. Il soggetto de Il Bene Mio è vincente e non così distante dalla storia che gli ha dato notorietà  proprio a Venezia dieci anni fa, il citato Pinuccio Lovero (che appare qui in un cameo/tributo), la storia di un custode di cimitero di un paese pugliese piccolo e desolato in cui gli abitanti non muoiono più, rischiando di far perdere senso al ruolo del protagonista. Qui invece gli abitanti sono spariti (un cimitero allegorico) poiché il paese, Provvidenza, è stato distrutto da un terremoto. Essi continuano a rivivere proprio grazie a Elia (Sergio Rubini) un “ultimo uomo sulla terra”, anch’egli “custode” poichè cerca ancora sul posto indizi e tracce di esistenza che conserva, ad esempio un paio di occhiali (uno strumento per vedere meglio, più di quanto è possibile).

L’uomo persiste a non abbandonare la sua terra, le sue radici, un luogo deserto più di quello di Pinuccio (le cui gesta hanno avuto un seguito “politico” nel 2012 in Pinuccio Lovero – Yes I Can). Tra le macerie della civiltà Elia percepisce una presenza umana e come in una storia di fantasmi ci fa vivere momenti di suspense e persino uno spavento. Egli non è certo che la sue sensazioni siano reali poiché ancora non ha elaborato (catastrofe nella catastrofe) il lutto della perdita della moglie, Maria, la sorella del sindaco, il quale vuole farlo sgombrare per farlo rinsavire, ritenendolo fuori di senno. Insieme a diversi temi che inspessiscono il valore dell’opera (il senso civico e sociale della storia, la solidarietà per i rifugiati, l’emigrazione degli italiani, l’abbandono) c’è anche la presa di coscienza, amara e ineluttabile, che nulla torna più indietro una volta consumato, perduto o semplicemente andato ma che il passato va assimilato, tramandato, tutelato.

Pippo Mezzapesa ce la mette tutta per imporsi come un autore maiuscolo nel panorama nazionale proseguendo la sua personale, variegata poetica e inserendo ne Il Bene Mio elementi costanti delle sue opere: l’operosità e la morte (oltre Pinuccio Lovero nel trittico “Produrre, consumare morire”, “SettanTA”, “La giornata”), lo strumento musicale e la banda di paese, l’attenzione per la sua terra (il sud) e le sue tradizioni, la Madonna come figura femminile protettiva (qui è Noor, la siriana che si nasconde per poi apparire da dietro la statua e difendere Elia, proprio nel momento in cui l’uomo ha perso la fede (nuziale). Ci sono persino il riferimento all’infanzia (i disegni) e al gioco del calcio raffigurato nella prima immagine del film, la piazza prima della sciagura. Per evitare di svelare contenuti o altro (il film sarà nelle sale dal 4 ottobre) è sufficiente aggiungere un ultimo merito: a seguito di un primo atto un po’ carente di ritmo il regista rinuncia alle più facili e accomodanti soluzioni e svolte a favore di un terzo atto ben più intenso e tenero, paradossalmente conciliatorio in senso spirituale e metaforico. 

La riuscita del film, come anticipato in primis, è dovuta principalmente a Mezzapesa e Gaeta per la “scrittura registica”, all’esperienza umana (perciò di sceneggiatore/regista/attore) dell’inossidabile Sergio Rubini (mancava da un po’ una sua prova attoriale a questo livello e il personaggio di Elia gliel’ha offerta) e dalla fotografia del promettente Giannoccaro (qui al Lido anche per il cortometraggio di Vito Palmieri vincitore lunedì scorso di MigrArti), con immagini/tracce pregne di significati e simboli tra cui la sostituzione (la citata sequenza di apertura del prima e dopo, l’apparizione di Maria nel letto e i cambi di fuoco a luce intermittente sulle impronte, segni che indicano sia presenza che assenza.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi