Il Cavaliere Oscuro di Nolan compie 10 anni: nel 2008 l’uscita del film su Batman!

Il cavaliere oscuro

Dieci anni dopo l’uscita de Il cavaliere oscuro, ecco come Nolan e la magistrale interpretazione di Heath Ledger hanno cambiato il mondo di  Batman.

Il Cavaliere Oscuro e il ritratto del male

Il secondo film di Christopher Nolan dedicato al giustiziere di Gotham City è stato rilasciato esattamente dieci anni fa. Il cavaliere oscuro (The Dark Knight) è un film che viene ricordato per innumerevoli motivi, alcuni dei quali portano non poca malinconia e tristezza. Partiamo proprio da qui per omaggiare questa pellicola, ovvero dalla nota più dolente: Heath Ledger. Lo straordinario acerrimo nemico di Batman, il Joker, rappresenta il personaggio che per primo viene alla memoria se si ripensa al film e che si è conquistato, grazie alla sublime interpretazione dell’attore, un posto d’onore tra le migliori interpretazioni dei cattivi della storia del cinema.

Heath Ledger, morto prematuramente il 22 gennaio di dieci anni fa, ha dato vita a un personaggio magnetico, potente, triste, machiavellico e inimitabile. La sua scomparsa ha dato vita a false dicerie, alcune delle quali sostenevano che una delle possibili cause della sua morte fosse che il metodo di recitazione, da lui adottato, lo avesse trascinato troppo all’interno della mente malata e psicopatica del Joker.

La realtà, come adesso ben sappiamo, è ben diversa e meno cinematografica. Ma la recitazione, si sa, è anche e soprattutto l’arte si saper emozionare e il fatto che Heath Ledger, ne Il cavaliere oscuro, abbia dato vita a queste voci non è che un’altra conferma delle sue abilità come attore. Il mondo ha dovuto dire addio troppo presto a questo naturale talento e forza della natura ma, per fortuna, prima di lasciarci il giovane attore australiano ha potuto regalarci una magistrale interpretazione di uno dei cattivi più memorabili dell’universo della DC Comics.

Il cavaliere oscuro_Joker

Accanto alla malinconia che Il cavaliere oscuro porta con sé c’è anche l’adrenalinica e fatale visone del mondo malato e cattivo che trasmette il Batman di Nolan. Bruce Wayne, interpretato da Christian Bale, è, come ben sappiamo, un giustiziere diverso da quelli portati sul grande schermo prima di lui. L’eroe della DC Comics è sempre stato più oscuro e ambiguo rispetto ai suoi colleghi: tuttavia, in questa trilogia, iniziata nel 2005 con Batman Begins e terminata nel 2012 con Il cavaliere oscuro – Il ritorno, è palese e palpabile la nuova chiave di lettura che il regista vuole dare. Bruce Wayne agisce attraverso un senso distorto della giustizia: secondo lui giustizia è vendetta, vendetta è sinonimo di azione e l’azione porta con sé la solitudine tipica di ogni eroe, in particolare quella del milionario di Gotham City.

Il cavaliere oscuro di Christopher Nolan è affascinante anche dal punto di vista del cast, in quanto annovera anche Gary Oldman, Michael Caine nel ruolo del maggiordomo Alfred, Aaron Eckhart, Maggie Gyllenhaal e il grande Morgan Freeman, giusto per citarne alcuni. Ad accompagnare questi nomi illustri c’è da ricordare la colonna sonora curata, tra gli altri, da Hans Zimmer, la magistrale regia e la trama adrenalinica, anche se la storia prende vita soprattutto nelle scene in cui c’è il Joker, che ha portato la narrazione a un livello superiore grazie al compianto Heath Ledger, supportato efficacemente dall’interpretazione di Christian Bale.

Dall’uscita de Il cavaliere oscuro sono passati dunque dieci anni: lasso di tempo durante il quale abbiamo avuto modo di vedere un sequel, altri tre film della DC Comics in cui compare il l’uomo-pipistrello, interpretato da Ben Affleck, ed un nuovo Joker portato sul grande schermo da Jared Leto (e presto da Joaquin Phoenix). Questa pellicola, con tutte le sue critiche e contraddizioni, con tutte le voci che si porta con sé rimane e rimarrà un punto di riferimento per chi vorrà interpretare un personaggio oscuro e ricco di contraddizioni e per chi vorrà dirigere un film capace di rimanere nell’immaginario delle persone amanti del genere e non solo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi