Da Iron Man ad Avengers: Infinity War, la top 5 dei film del Marvel Cinematic Universe

Avengers: Infinity War

Mentre Avengers: Infinity War continua ad infrangere ogni record d’incasso, ripercorriamo il decennale del fenomeno cinematografico di casa Marvel attraverso una top 5 contenente una parte dei migliori film arrivati nelle sale dal 2008 ad oggi.

Da Iron Man ad Avengers: Infinity War, 10 anni che hanno stravolto il mondo cinematografico

Tutto ha inizio nel 2008 con la prima pellicola dedicata all’eroe di metallo Iron Man. A lui è stato affidato il talento di Robert Downey Jr, che già di suo stava risalendo la chiglia del mercato cinematografico grazie a commedie come Kiss kiss bang bang (diretto da Shane Black, i due si ritroveranno poi in Iron Man 3) o al thriller Zodiac di David Fincher. Inoltre, l’anno dopo Iron Man, nel 2009 riceverà la candidatura all’Oscar come attore non protagonista per Tropic Thunder di Ben Stiller.

Con Iron Man, datato 2008, si apre il sipario sull’MCU, senza dimenticare che prima di esso e prima che la Marvel riuscisse a riprendersi i diritti cinematografici di alcuni personaggi dalla Sony, abbiamo conosciuto il miglior Spider-man cinematografico finora mai fatto, quello guidato da Sam Raimi nel 2002 (Tobey Maguire infesta tutt’ora internet in video amatoriali e ironici in cui viene osannato come l’unico e vero Spider-man, soprattutto dopo il lavoro non molto riuscito di Marc Webb ed Andrew Garfield, che hanno deluso molti fans).

L’ultimo capitolo dell’MCU è il campione indiscusso del box office internazionale e di una parte della critica. Ancora oggi presente nelle sale, Avengers: Infinity war rappresenta la prima parte di un epilogo immenso, epico e finora impensabile da poter portare sul grande schermo in maniera decorosa, con la qualità artistica che meritano le storie a fumetti da cui è tratto.

Questa nuova, ambiziosa avventura si apre proprio con l’eroe meno super dell’universo Marvel, un uomo normale ma socialmente ed economicamente influente, che decide di mettersi in gioco nella lotta al crimine. Tony Stark è il diretto corrispondente di Bruce Wayne, e del suo Batman della DC Comics. Uomini senza super poteri che con l’ausilio delle loro risorse e del loro intelletto, nonché ovviamente della loro esperienza in determinati campi delle arti e delle scienze, riescono a dare un contributo al pari degli altri eroi dotati di capacità straordinarie, extraterrestri o addirittura divine.

Non è un caso quindi se sono proprio loro a dare una direzione, una leadership al gruppo di eroi che via via trova nascita attraverso tutti gli altri film dedicati. L’uomo ordinario, quello più vicino alle persone normali, quello più vulnerabile, le cui capacità più straordinarie sono quindi il coraggio e l’altruismo, valori che nella vita reale è sempre difficoltoso trovare o tirare fuori. Queste storie appassionano proprio perché contengono questi valori. Oltre l’intrattenimento e gli effetti speciali, ci sono concetti più profondi e radicati e non credo che solo un appassionato possa accorgersene. E’ evidente come questi personaggi facciano da richiamo alla nostra coscienza, perché caratterizzati da aspetti che appartengono a tutti noi, e che sono quindi capaci di farci convincere che anche nella realtà si possono compiere meraviglie.

Se ad alcuni non proprio appassionati sorga qualche dubbio, esistono delle prove inconfutabili della veridicità e delle fondamenta solide di questi racconti. Per chi pensa che siano solo storie superficiali, definendole erroneamente per bambini (erroneamente perché le storie per bambini contengono i valori che costruiscono gli adulti del domani) basti pensare che un personaggio come Hulk, l’alter ego del Dr. Bruce Banner, non è altro che la visualizzazione in chiave estetica dell’epica lotta che ognuno ha dentro di sé, ispirata da un romanzo come “Lo strano caso del Dr. Jekill e Mr. Hyde” di Stevenson; oppure il Joker, la nemesi per eccellenza di Batman, personaggio scritto sulla falsa riga de “L’uomo che ride” di Victor Hugo. Questo è sufficiente per rendersi conto dai contenuti di partenza di questi personaggi che accompagnano il pubblico fin dall’infanzia con le loro avventure, colme di tematiche-riflesso della nostra società e cultura, e di metafore delle lotte interne ed esterne che ognuno di noi affronta. A questo punto non rimane che inquadrare una sorta di Top 5 dei film del MCU.

1 – IRON MAN (2008)

Avengers: Infinity War

Diretto da Jon Favreau, rappresenta la pellicola che segna il corretto uso dell’ironia per un personaggio che vi aderisce perfettamente. Il genio, miliardario, playboy, filantropo Tony Stark, protagonista del film, è una persona interessata alla parte più futile e superficiale dell’esistenza, dedito unicamente a se stesso e ai piaceri della vita. Poi, dopo un grazioso ricevimento “forzato” assieme a dei terroristi, matura la convinzione di potere e di dovere fare qualcosa per il bene del prossimo, visti tutti i mezzi di cui dispone. Robert Downey Jr ci regala un Tony Stark perfetto, abbastanza spaccone quanto acuto, intelligente e coraggioso.

2 – THE AVENGERS (2012)

Avengers: Infinity War

Il film è diretto da Joss Whedon, ovvero la persona che si è accollata il fardello di fare il primo importante esperimento della storia del MCU: riunire più personaggi sulla stessa scena. Ci è riuscito alla grande. Una pellicola dalle fattezze epiche per il numero di eventi che si susseguono e che conducono ogni personaggio a condividere la scena con gli altri in modo equilibrato, riuscendo a dare il medesimo spazio e peso narrativo ad ognuno. Whedon ha aperto cosi bene le porte a questa tipologia di film che con Infinity war il suo Avengers sembra ormai un normale filmetto.

3 – GUARDIANI DELLA GALASSIA (2014)

Avengers: Infinity War

In questo caso troviamo James Gunn dietro la macchina da presa. Un nuovo e più ambizioso esperimento, portare sul grande schermo un uomo, una donna verde, un energumeno dalle strane fattezze, un procione parlante geneticamente modificato e un albero anch’esso parlante, anche se mono-frase. Difficile raccontare questi personaggi con sufficiente credibilità perché la storia attecchisca in chi la guarda. Eppure Gunn ci riesce con una sceneggiatura frizzante e ironica che, nonostante i toni estetici ultra futuristici e alieni, strizza l’occhio alla cultura pop terrestre e con una vicenda che mostra personaggi differenti e lontani unirsi per forza di cose e interagire, caratterizzati come se fossero i nostri vicini di casa.

4 – CAPTAIN AMERICA: CIVIL WAR (2016)

Avengers: Infinity War

I fratelli Russo tornano alla guida di un film Marvel dopo il precedente capitolo di The Winter Soldier. Si apre la guerra civile tra i supereroi. In seguito alle conseguenze delle loro colossali imprese per proteggere la Terra, che ha visto innumerevoli vittime tra i civili, i componenti degli Avengers devono registrarsi per diventare ufficialmente dipendenti del Governo, cosi che le loro scelte e decisioni vengano guidate e discusse. Il gruppo si spacca in due fazioni, in un modo imprevedibile ed estremamente affascinante. Iron Man, il supereroe più arrogante e indisciplinato, si schiera dalla parte del Governo e quindi in favore delle regole, perché troppo tormentato dai sensi di colpa per le vittime causate dalle loro azioni. Capitan America, il bravo ragazzo per eccellenza, mette in discussione gli ideali che ha sempre difeso e simboleggiato e, deluso da un Paese che vuole solo imporre le sue scelte e che vede gli eroi solo come armi da controllare, rifiuta le regole che gli vengono propinate e diviene un fuorilegge, restando sempre pronto ad accorrere in caso di necessità. I due eroi si dividono anche per questioni personali, per vicende che hanno tenuto nascoste dentro di se in nome dell’amicizia. Assieme a loro anche il resto dei Vendicatori si divide e dopo una battaglia quasi mortale, ognuno va per la sua strada. Il film decolla alto in concetti e questioni che restano aperte, in favore dei successivi film, ma che affascinano e appassionano mostrandoci i lati più oscuri e imperfetti dei supereroi.

5 – AVENGERS: INFINITY WAR (2018)

Avengers: Infinity War

Distribuito lo scorso 25 aprile 2018 e attualmente nelle sale, costituisce il film dei record assoluti (Recensione QUI). I fratelli Russo sono stati riconfermati anche per questa pellicola, immensa e davvero infinita nelle sue dimensioni, nella quantità di personaggi già ampiamente costruiti che si avvicendano con ritmo esaltante sullo scenario di un’avventura epica. Infinity War è lo scontro che 10 anni di pellicole ci avevano preannunciato e che dona il giusto spazio e tutti, lasciandoci nell’attesa di un epilogo unico nella storia dell’MCU.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi