Joker, la sinossi ci parla di un film con una forte morale sulla società di oggi

Joker

Il film del Joker, stando alla sinossi, farà da specchio filmico alle vicende sociali e controverse dell’America di Trump.

Il Joker, la genesi dell’arci nemico di Batman in una chiave psicologica e politica

ll “Joker”, regia di Todd Philips e interpretato da Joaquin Phoenix, ha la sua sinossi ufficiale. Fin’ora le voci sulla trama fortemente inserita in un contesto politico e sociale molto vicino al controverso periodo attuale Americano, alla sovranista Trump Era, erano dovute ad una serie di immagini trapelate dal set. Prima di leggere la sinossi è giusto dire che il film esplorerà un universo alternativo ai film già usciti del DCEU. La Warner Bros con questo prodotto dal budget ridotto e dalle spiccate velleità artistiche, vuole offrire qualcosa di nuovo, cercare spazi, anche piccoli e davvero autoriali, lasciati liberi dall’avanzata inarrestabile dei cinecomics Marvel. Sulla guida ufficiale delle produzione Warner Bros del 2019 il film viene descritto così.

“Genere drama. Joker racconta le vicende dell’arci nemico (non è nominato Batman come a volersi distinguere da prodotti più super eroici ) in particolare la sua origine, in un unico capitolo, e lo fa da un punto di vista mai visto prima sul grande schermo. L’esplorazione di Arthur Fleck/Joker, un uomo emarginato dalla società, non è solo uno studio attento sporco e cupo di un personaggio, ma ha anche una forte e più ampia morale”.

Quest’ultima frase oltre a sottolineare l’esigenza di bilanciare bene un personaggio come il Joker che già in altre uscite cinematografiche ha portato ad una emulazione da parte di certi spettatori soprattutto giovani e che comunque da sempre esercita questo tipo di fascino sul pubblico, conferma il genere politico del film. I cartelli visti nelle foto di scena dal set del Joker che inneggiavano alla fine dei poteri forti di Gotham. La rivolta dei clown contro i ricchi e i privilegiati rappresentati da Thomas Wayne (nella finzione padre di quel Bruce che diventerà Batman) in corsa per diventare sindaco della città (punto della trama confermato da fonti interne alla produzione), porta alla conclusione che la realtà populista fatta di gente arrabbiata per giusta causa e manipolata da varie paure, di politici e lobby da one percent e di movimenti dal basso non proprio trasparenti, possa confluire nel film del Joker, legandosi con la genesi del protagonista.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi