Jurassic Park: 25 anni fa l’invasione dei dinosauri di Steven Spielberg

Jurassic Park Steven Spielberg 25 anni

Era l’11 giugno 1993 quando le sale statunitensi venivano invase dai dinosauri di Jurassic Park, guidati da Steven Spielberg. Quel giorno cambiò per sempre l’universo cinematografico internazionale, dando vita ad un amore che sembra non conoscere estinzione.

Jurassic Park, 25 anni fa il ritorno dei dinosauri

Sir Richard Attenborough, Steven Spielbeg, Sam Neill, Jeff Goldblum, Samuel L. Jackson, Chris Pratt: questi sono solo alcuni dei nomi che hanno partecipato alla realizzazione della saga di Jurassic Park. Ad oggi, la serie di film è arrivata al quinto titolo e non terminerà certo con quest’ultimo (è stato già annunciato il sequel di Jurassic World – Il Regno Distrutto).

Ma oggi non penseremo al futuro, perché una delle saghe più amate di sempre festeggia i 25 anni dall’uscita del primo capitolo, Jurassic Park, arrivato nelle sale il 12 giugno 1993.

Siamo nel 1993: la Pausini vince Sanremo con La Solitudine, la Cecoslovacchia cessa di esistere, Bill Clinton si insedia alla Casa Bianca e il mondo intero, assiste alla morte di Pablo Escobar. Proprio in quell’anno, su 3400 schermi di cinema americani, viene proiettato per la prima volta Jurassic Park, ancora ad oggi uno dei film di maggiore incasso della storia del cinema.

Sono tante le scene da ricordare di questo titolo, ma ce n’è una in particolare, capace di emozionare tutto il pianeta. Infatti, Empire, celebre periodico mensile britannico, ha classificato la celebre scena dell’incontro con il Brachiosauro come la 28esima scena più magica, mai realizzata in un film. Ma siamo solo all’inizio della saga.

Jurassic Park Steven Spielberg 25 anni

Quattro anni dopo, nel 1997, esce nei cinema Il mondo perduto – Jurassic Park, sequel del primo film. Questo titolo contiene quasi il doppio di animazioni generate al computer, rispetto al suo predecessore. Non a caso, per la realizzazione di tutti i dinosauri ci sono voluti circa 18 mesi di lavoro. Con Steven Spielberg in regia, il successo e la qualità sono dunque assicurati. Infatti, alla sua uscita, il film ha riscosso un notevole successo, secondo, all’epoca, solo allo stesso Jurassic Park, sempre del regista statunitense. Sono solo Ian Malcolm e John Hammond, interpretati rispettivamente da Jeff Goldblum e Sir Richard Attenborough, i due personaggi principali del primo capitolo, a ricomparire anche in questo sequel.

Passano altri quattro anni, e, nel 2001, nelle sale viene proiettato Jurassic Park 3, questa volta diretto da Joe Johnston ma con lo zio Steven impegnato come produttore esecutivo. Purtroppo, anche per certe opere non è sempre tutto rose e fiori. Infatti, questo titolo della saga, ha ricevuto una nomination ai Razzie Awards, come peggior remake o sequel. Nelle scene cult di questo lungometraggio, ricordiamo quando lo Spinosauro inghiotte un telefono satellitare, episodio che ricorda la sveglia inghiottita dal coccodrillo in Peter Pan. E non possiamo dimenticare la scena dello scontro tra lo stesso Spinosauro ed il Tirannosauro. Per le riprese di questo film, avrebbe dovuto esserci anche Jeff Goldblum, sempre nei panni di Ian Malcolm, ma pochi giorni prima dell’inizio delle riprese, l’attore si ruppe una gamba.

Nel 2009 il progetto sembrava ormai abbandonato del tutto ma nel 2011 fu proprio Steven Spielberg ad annunciare il suo coinvolgimento in un nuovo film. Nel 2013 fu reso noto il nome, Jurassic World, che arrivò quindi due anni dopo nelle sale.

Tra i personaggi principali c’è Owen Grady (Chris Pratt), Claire Dearing (Bryce Dallas Howard) e il Dr. Henry Wu, interpretato già nel primo film della saga da BD Young. Attualmente il film occupa il quinto posto tra i maggiori incassi nella storia del cinema, con 1,6 milliardi di dolllari.

Passati tre anni è giunto il turno di Jurassic World – Il Regno Distrutto, attualmente nelle sale italiane. Per il sequel bisognerà invece attendere il 2021.

Insomma, i dinosauri, sul grande schermo, ci hanno fatto compagnia dagli anni ’90 fino ad oggi e continueranno a farlo anche in futuro, rappresentando un amore che sembra non conoscere estinzione.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi