La Forma dell’Acqua, il film è ora disponibile in Blu-Ray e 4K: la recensione

La Forma dell'Acqua film

La Forma dell’Acqua è disponibile in Home Video dal 27 giugno: riviviamo la favola gotica che è valsa a Guillermo Del Toro la statuetta per miglior regia e miglior film e che si è aggiudicata il Leone d’oro al Festival di Venezia.

La forma dell’acqua: un profilo liquido

Partiamo dal titolo La forma dell’acqua: che forma ha l’acqua? Di per se non ha alcuna forma, assume una e tutte le forme, adatta la sua struttura allo spazio dove si trova e si proporziona ad avvolgere (con la sua tensione elastica, ma non solo, esplicitamente anche erotica) ogni corpo che vi si immerga.

Il film di Del Toro cerca di coniugare la fiaba gotica con uno sfondo (anche scenografico), molto accurato storicamente, da guerra fredda e da USA primi anni 60; uno sfondo rigido, fatto di falsità, di apparenza, di discriminazione, di paranoia e bisogno di esorcizzare le proprie paure del diverso e del cambiamento. La sostanza di cui è composta la società in cui vivono o meglio sopravvivono i protagonisti della storia è una putrida aria stagnante dalla consistenza fuligginosa, è una pesante architettura di cemento che opprime, è una luce artificiale e malsana, che in nulla avvolge e accoglie i corpi e le menti dei protagonisti. La realtà in cui si trovano è povera di contenuti come di idee e di capacità di comprensione, li respinge, li isola nelle loro tane. I covi nei quali si annidano si caratterizzano per un tono cromatico e un “set” radicalmente diversi che sono l’estroflessione di quelle personalità, che non potendosi esprimere a parole, urlano attraverso il microcosmo che le circonda, che fa loro da scudo, ma che al contempo è reciprocamente permeabile alle loro emozioni.

La forma dell’acqua e l’omaggio alle origini

Il regista, come sempre, ma in questo caso senza manierismi o ammiccamenti, dirige un film che è omaggio e plagio consapevole di tutto un cinema (quello horror degli anni 40 e 50), ma lo fa lasciando che le vecchie pellicole avvolgano la ” forma” del suo cinema, ma non distorcendolo, evitando di strozzarne la trama in inutili digressioni fini a se stesse, permettendogli di mantenere un punto di vista ed uno stile profondamente personali. Gli archetipi narrativi a cui si rifà Del Toro sono espliciti, ma sentiti nel profondo e assimilati a livello viscerale e proprio per questo resi autentici e mai stereotipati.
I personaggi del film sono tutti degli emarginati (in modo grottesco anche il villain interpretato dal sempre efficace Michael Shannon), perché il film parla di una dicotomia inconciliabile, di quella “creatura” parte umana, parte no, che al di fuori dell’avvolgente acqua è intrappolata negli altri due stati della materia (solido e gassoso), che a differenza degli incomprimibili liquidi, non vogliono e non possono sostenerla e accettarne le fattezze (in tutti i sensi).

La nuova forma di espressione

La forma dell’acqua fa quindi una riflessione non banale sul “mostro” e su come non vi sia la possibilità di perdere le proprie inconsuete e spaventose fattezze ed in questo lascia fortunatamente poco spazio ad una fine da favola, patinata e rassicurante, ma ha il pregio, non da poco, di mostrare come la condizione di emarginazione sia reale e cupa e come solo un ” fantastico” cambio di ambiente possa eliminarla. Alla fine la disturbante storia d’amore vissuta dalla protagonista (ma con sincerità, l’unica concessale), fa della sua menomazione traumatica (quelle cicatrici che hanno reciso le corde vocali, che la hanno resa muta) la sua via di fuga dall’ essere in uno stato transitorio fra umano e freak, trasformandola in una nuova forma (di vita) nell’ acqua.

Il film è disponibile in DVD e Blu-ray e Blu-ray 4K dal 27 giugno: in esclusiva su Amazon troverete invece la Steelbook del Blu-ray.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi