Mark Salling: trovato morto l’attore di Glee riconosciuto colpevole di pedopornografia

mark salling

L’ex star di Glee Mark Salling è stata ritrovata senza vita poco distante dalla sua abitazione. Un decesso che giunge dopo la conferma della sua colpevolezza per pedopornografia.

Mark Salling, una dipartita con tanti quesiti irrisolti

Se ne va, a 35 anni, l’attore Mark Salling, trovato morto in un’area adiacente alla sua residenza di Los Angeles. La notizia, risalente a qualche ora fa, anticipa il decorso di un iter giudiziario che lo aveva riconosciuto colpevole per detenzione di materiale pedopornografico; la sentenza, attesa ad inizio marzo, avrebbe condannato Mark Salling a quattro o sette anni di carcere. Una punizione esemplare – poco, ma sicuro – che rimarrà, però, inespressa dopo ciò che viene considerato, da più parti, come un vero e proprio suicidio premeditato.

Glee, la maledizione continua

Mark Salling è il terzo caso di decesso riconducibile alla partecipazione a Gleeserie televisiva musicale statunitense prodotta (e trasmessa) dal 2009 al 2015 negli Stati Uniti per sei stagioni da Fox. Nel 2013, fu la volta di Cory Monteith, trovato morto nella sua stanza d’albergo a causa di un mix letale di alcol e droga; nel 2014 toccò, invece, a Matt Bendick, fidanzato della star della serie Becca Tobin. Insomma, un’autentica maledizione avente, come minimo comune denominatore, delle esistenze patinate finite alla deriva.

The following two tabs change content below.

Giorgio Longobardi

Multitasking addicted e formatore professionale. Divoratore di film, serie TV, anime e fumetti. Utopista, cultore del libero pensiero e grande appassionato di sport: tra i suoi sogni, quello di realizzare un gol in Premier League.

Lascia un commento