Natale 2017: i film a tema più belli e più amati dalla redazione di Movie Magazine Italia

Natale 2017 - I Film a tema più belli

Quando mancano pochi giorni al Natale, la nostra redazione ha scelto di raccogliere in un articolo quelli che, secondo noi, sono i film a tema più belli.

Il tris natalizio di Patrizia

Natale 2017 - I Film a tema più belli

Mamma ho perso l’aereo: credo che questo rientri tra i film che maggiormente mi ricordano la spensieratezza dell’infanzia. Da bambina non utilizzavo in maniera spasmodica la televisione ma molte di quelle volte che in cui mi son ritrovata di fronte al piccolo schermo, scorrevano le immagini dell’opera diretta da John Huges. Con la mia “testolina” mi immedesimavo nel giovane protagonista, ipotizzando cosa avrei potuto combinare io nel caso in cui mi fossi ritrovata a casa da sola, dimenticata dalla mia famiglia. Avrei avuto lo stesso ingegno di Kevin? E soprattutto, mia madre avrebbe urlato il mio nome all’aeroporto, una volta resasi conto della mia assenza ? Mettiamoci poi che il film è arrivato nelle sale proprio nell’anno in cui la sottoscritta è venuta al mondo…

The Family Man: anche in questo caso l’elemento predominante è la neve e quel clima, tipico del Natale, che abbraccia l’intera pellicola. Non è propriamente un film da “bambini”, infatti me ne sono innamorata durante l’adolescenza. Chissà quante volte nel corso della propria adolescenza, capita di chiedersi come sarebbero andate le cose se si fosse scelta una strada, piuttosto che un’altra. La dolcezza e la semplicità con cui Tea Leoni ha saputo conquistare Nicolas Cage, vincendo la superficialità di lui, mi è rimasta sempre nel cuore, così come la tenacia con cui lui alla fine tenta di recuperare gli errori del passato.

Matilda 6 mitica

Natale 2017 - I Film a tema più belli

Non posso non chiudere il mio tris natalizio con questo film. La conosciamo tutti, la piccola Matilda, pronta ad ottenere il proprio riscatto, nonostante un’infanzia piena di persone negative. Ricordo ancora, come se fosse ieri, il disagio che mi trasmettevano i genitori di lei, interpretati al meglio da Danny DeVito e Rhea Perlman. Ma il personaggio che maggiormente mi è rimasto impresso, in maniera tutt’altro che positiva, è senza dubbio la temibile signorina Trinciabue. Come dimenticare, ad esempio, la sua spietatezza nello spingere un ragazzino ad ingozzarsi di torta al cioccolato fino a “scoppiare”? A ripensarci bene, venti anni dopo, quel ragazzino potrebbe assomigliare a me durante le feste di Natale…

Fabio non ha dubbi: il suo film di Natale è…

Natale 2017 - I Film a tema più belli

Il film che rivedo più volentieri in questo periodo è Love Actually – L’amore davvero. Una brillante e spassosa commedia romantica ambientata nelle 5 settimane che precedono il 25 dicembre. Un campionario di momenti cult tra cui il ballo del Primo Ministro britannico interpretato da Hugh Grant, la dichiarazione con i cartelli di Mark (Andrew Lincoln) a Juliet (Keira Knightley), e soprattutto ogni scena in cui compare la rockstar Billy Mack di un formidabile Bill Nighy.

In realtà tutto il ricco cast, camei illustri compresi, ha saputo dare il meglio di sè con interpretazioni misurate, come quelle del compianto Alan Rickman e di Emma Thompson, o felicemente sopra le righe. Tutti al servizio di una sceneggiatura che gioca sì con la retorica, i cliché e la volgarità, ma mai in maniera fastidiosa o eccessiva.

Meritate dunque le due candidature ai Golden Globe (miglior film e script) per Richard Curtis, autore e regista della pellicola.

Insomma: un riuscitissimo feel-good movie – ma attenzione, non tutte le storie hanno un lieto fine e non manca una certa dose di cattiveria – al quale sono particolarmente affezionato.

Le scelte natalizie di Giorgio

Natale 2017 - I Film a tema più belli

Se dovessi scegliere due pellicole natalizie alle quali non potrei mai rinunciare, queste sarebbero sicuramente S.O.S Fantasmi e Canto di Natale di Topolino. Il trait d’union tra le due pellicole, di matrice dickensiana, permette di avere due chiavi di lettura molto intriganti che, nel bene e nel male, non passeranno mai di moda. Nel primo caso, lo spumeggiante e arrivista Bill Murray si trova a tu per tu con gli spiriti del Natale – passato, presente e futuro – intenzionati a distoglierlo dalla sua continua ricerca dei beni materiali, con effetti a dir poco esilaranti. Nel secondo caso, accade altrettanto ma con un’atmosfera simile all’ispirazione generale. Decadenza, povertà e pessimismo vengono valorizzati da un comparto animato eccelso – e la nomina all’Oscar come miglior cortometraggio animato non fu affatto un caso. Il comparto qui coinvolto comprende gran parte dei big di casa Disney e li proietta verso una sfaccettatura davvero intrigante.

Natale 2017: le scelte di Federica

Natale 2017 - I Film a tema più belli

Una poltrona per due: Ci sono poche certezze nella vita e una di queste è sicuramente Una poltrona per due la vigilia di Natale su Italia 1. Se è vero che i bambini amano le tradizioni anche i grandi non sono da meno e vogliono la loro storia e per me non è Natale senza Dan Aykroyd e la super risata contagiosa (almeno nel doppiaggio italiano) di Eddie Murphy.

Così anno dopo anno Aykroyd perde il lavoro come sempre, Eddie Murphy viene proiettato dalla strada al mondo dell’alta finanza e dopo mille peripezie si conclude con un happy end, ma non prima che uno dei due si ubriachi e cerchi di suicidarsi con addosso un abito da Babbo Natale.

Molte battute sono rimaste celebri, ricordo che per gioco con mio fratello si giocava a chi ne sapeva di più o a chi rifaceva meglio la scena in cui Eddie Murphy fingeva di aver riacquistato la vista e l’uso delle gambe con i poliziotti gridando al miracolo…

Aspettando di vedere la pubblicità confortante della messa in onda del film il 24 brindo con un buon succo d’arancia!

Vacanze di Natale ‘83

Natale 2017 - I Film a tema più belli

E se dicessi: “Silenzio. Ragazzi. Papà ci vuole dire qualche cosa” “Ehm…bhe …anche questo Natale se lo semo levato da le palle” cosa vi viene in mente? Potrei continuare all’infinito “Sorry Samantha the fusils”, “Via della Spiga, Hotel Cristallo di Cortina 2 ore 54 minuti e 27 secondi. Alboreto is Nothing” “Sole, Whisky e sei in pole position” perché Vacanze di  Natale ’83 è un must, anzi di più una vera e propria leggenda! Quanti avrebbero voluto essere su quelle piste da sci, quanti avrebbero voluto far parte della famiglia Covelli o stare in quel piano bar con Jerry Calà. Guido Nicheli, Christian De Sica, Claudio Amendola…per me senza di loro, senza Asunciòn e Grazie Roma in sottofondo non è Natale.

“Il Natale a casa mia è…”: i film di Margherita

Natale 2017 - I Film a tema più belli

Il Natale in casa mia è pieno di piccole tradizioni, come forse in ogni famiglia e quello che sicuramente non può mai mancare sono “i petali di Zuzu”. Zuzu è una dei figli di George Bailey, protagonista de La vita è meravigliosa. Film di Frank Capra del 1946, racconta la storia di George Bailey. Dopo aver dedicato la sua vita agli altri, mettendo da parte i propri sogni e desideri, George decide di suicidarsi. Ma in suo aiuto arriva Clarence, un angelo di “seconda classe” che per conquistare  le sue ali, dovrà aiutarlo a comprendere quanto la sua vita sia importante. Clarence mostrerà a George come sarebbe il mondo se lui non fosse mai esistito e come in quel caso, molte persone avrebbero vissuto vite completamente diverse. Un film che unisce tutta la famiglia e riaccende la speranza. Ma con un significato ancora più profondo.

Di ritorno dalla seconda guerra mondiale, alla quale sia Capra che Stewart presero parte, i due trovarono il mondo e il cinema cambiati e sconvolti dalle atrocità della guerra. La vita è meravigliosa fu quindi un modo per ridare speranza, non dimenticando però quello che era successo e che ormai aveva segnato profondamente tutto il mondo. Forse per questo motivo alla fine del film George, nonostante si sia riunito con la sua famiglia e soprattutto abbia riportato i petali a Zuzu, ha quello sguardo velato dalla tristezza?

Il Grinch

Natale 2017 - I Film a tema più belliPassando da un estremo all’altro, il secondo film che per me è simbolo del Natale è Il Grinch. Un fantastico Jim Carrey dà vita nel 2000 al famoso essere verde che odia il Natale. Il Grinch abitata sul Monte Briciolaio, poco fuori la città di Chinonsò, abitata appunto dai Nonsochì. I Nonsochì sono piccoli individui che si adoperano per fare del Natale la festa più bella dell’anno. I loro preparativi saranno messi però in pericolo dal perfido Grinch. Ma grazie alla piccola Cyndy Chi Lou, anche il malvagio essere verde e puzzolente scoprirà di non essere poi così cattivo. Tutti ci siamo sentiti un po’ Grinch una volta nella vita e forse per questo motivo il film piace così tanto. E poi come non amare Jim Carrey che, con la sua espressività e bravura, ha dato vita ad uno dei personaggi più iconici del Natale.

Rimanendo nell’ambito del Natale, scoprite tutte le novità letterarie nel pezzo dedicato ai libri da regalare per le feste (QUI).

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi