Some Kind Of Monster, recensione: su Netflix il docufilm dei Metallica

metallica-some-kind-of-monster

La band nata nel 1981 ci racconta uno dei suoi momenti più bui in questo intenso documentario.

Some Kind Of Monster: vivisezione di una rinascita

La discografia dei Metallica è segnata da una profonda frattura e da uno iato evidente: la morte di Cliff Burton, primo e indimenticabile bassista della band e l’ellissi temporale durata ben sei anni che separa la pubblicazione di ReLoad da quella di St. Anger. Probabilmente la scomparsa di Burton è un trauma da cui gli altri membri del gruppo non si riprenderanno mai. Durante il tour promozionale di Master Of Puppets, l’autobus su cui viaggiavano ebbe un incidente e si capovolse più volte. Cliff morì sul colpo.

I Metallica iniziarono a scivolare lentamente ma inesorabilmente verso il baratro. I demoni che li tormentavano, diventavano ogni giorno sempre più forti e le tensioni che li dilaniavano dall’interno erano sul punto di esplodere all’improvviso. É proprio da quel momento che i registi Joe Berlinger e Bruce Sinofsky iniziarono a raccontare Some Kind Of Monster. Il progetto iniziale doveva essere un semplice making of sulla realizzazione dell’ottavo album in studio di Ulrich&Co. ma assunse ben presto i contorni di un duro documentario che gettava luce sul lato più oscuro della band. Le riprese furono problematiche fin dal primo giorno.

James Hetfield, frontman della band, non riusciva a sostenere il peso che la costante presenza della troupe esercitava su di lui, al tempo alle prese con una seria dipendenza dall’alcol, e sul processo creativo. Così nel luglio del 2001 decise di abbandonare il gruppo a tempo indeterminato per entrare in un programma di riabilitazione. I Metallica erano ad un passo dallo scioglimento. Sembrava che tutti i debiti con la vita accumulati in una carriera di eccessi stessero presentando il conto nello stesso momento.

Ascoltare St. Anger rappresenta un serio problema per i fan dei Metallica. Il suono, il ritmo, i testi e l’arrangiamento delle canzoni sono distanti anni luce da tutto ciò che la band aveva proposto fino a quel momento. Non si tratta neanche di un nuovo suono in fase embrionale perché i loro lavori successivi, Death Magnetic e il nuovissimo Hardwired… to Self-Destruct, non ne sono per nulla influenzati. Ma è proprio per questo che Some Kind Of Monster, nonostante sia un film, assume una rilevanza fondamentale all’interno della loro discografia. Questa pellicola è un lento e doloroso processo di guarigione che ha costretto i suoi protagonisti ad affrontare il proprio conflitto interiore.

La nuova chimica che i tre membri storici, Hetfield, Ulrich e Hammett sono riusciti a instaurare con la new entry al basso Robert Trujillo è esplosiva. E sembra che alla fine i quattro cavalieri si siano trovati a loro agio davanti alla macchina da presa tanto da uscire nelle sale nel 2013 con il concerto/lungometraggio Through The Never. A riemergere dall’oscurità che ci racconta Some Kind Of Monster è una heavy metal band più forte, coesa e con maggiore consapevolezza di sé. Ovunque possa vagare lo spirito dei Metallica è sempre vivo e vegeto.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi