Stranger Things 2: promossi e bocciati della seconda stagione

Stranger Things 2 Bob

Scoprite quali sono stati, secondo noi, i personaggi migliori e quali i peggiori di Stranger Things 2. Commentate con noi quanto visto su Netflix!

Stranger Things: i nostri Up & Down dell’Upside Down!

Quanto è dura l’astinenza da Stranger Things. Ma forse è proprio da queste cose che capisci quanto sia bella una serie tv. Ci riferiamo al fatto che, non appena scorrono sullo schermo i titoli di coda dell’ultimo episodio, si ha la voglia di vederne ancora e ancora. Ed ecco, quindi, che bisogna pur inventarsi qualcosa per ingannare l’attesa nei mesi che ci separano dalla terza stagione della serie targata Netflix.

Abbiamo infatti pensato di raccogliere in questo articolo quelli che, secondo noi, sono stati i personaggi migliori ed i peggiori del secondo ciclo di episodi.

I nostri UP: la carta vincente è il coraggio

Bob: vederlo lì, al fianco di Joyce, nel primo episodio della seconda stagione, avrà fatto piacere a molti di voi. Si è fatto voler bene sin da subito, con i suoi costanti tentativi di risultare simpatico e saggio agli occhi dei figli della donna che amava. Nonostante non abbia consigliato al meglio il piccolo Will con la storia di Mr. Baldo, abbiamo tifato per lui nei sotterranei del laboratorio di Hawkins. Purtroppo si è rivelato una meteora, o comunque il “sacrificato” per poter donare un po’ di splutter a questo secondo ciclo di episodi. Ci mancherà.

Steve: Dopo averlo conosciuto come il “fighetto” della scuola, pronto a bullizzare chiunque pur di affermare la propria superiorità, in molti avrebbero desiderato vedere la sua testa data in pasto ad un demogorgone. Anche la sua semi-responsabilità per la morte di Barb, non ha di certo aiutato a donargli simpatia agli occhi del pubblico. Eppure, i fratelli Ruffer hanno deciso di renderlo protagonista di un netto cambio di rotta. Premuroso, responsabile e coraggioso: così si è presentato il nuovo Steve in Stranger Things 2. E noi, c’è da dirlo, lo abbiamo profondamente amato, a tal punto da non saper consigliare Nancy nella sua “scelta amorosa”. Adesso sì che Harrington è un gran figo.

Joyce: Nella prima stagione della serie tv ha rappresentato la donna considerata pazza da un’intera comunità. Lei, spinta dal viscerale amore per suo figlio, ha continuato a credere nelle sue sensazioni, andando contro tutto e tutti. Il tempo le ha dato ragione e la cosa si è ripetuta anche in Stranger Things 2. È stata infatti lei, ancora una volta, ad intuire i messaggi nascosti di Will e sempre lei ha messo al primo posto i desideri e le volontà del suo bambino, a discapito anche della propria felicità. Don’t touch my baby.

Eleven: Ammettiamolo, non esisterebbe Stranger Things senza Eleven. La ragazzina indifesa della prima stagione ha lasciato spazio ad una donnina forte e coraggiosa, pronta a superare qualsiasi ostacolo pur di proteggere le persone che ama. Ha conosciuto buona parte del proprio passato, regolando i conti con sua madre e sua “sorella”. Alla fine, l’amore (e la gelosia) per il suo Mike ha fatto tutto il resto, portandola a fronteggiare un nemico più grande di lei. Così si fa, ragazza!

I nostri DOWN: non convincono le new entry

Max: New entry nel gruppo di ragazzini protagonisti di Stranger Things, Max ha dovuto fare i conti, sin da subito, con il “fantasma” di Eleven. Il confronto, inutile a dirlo, è stato miseramente perso dalla giovane dai capelli rossi. Nel corso degli episodi molti di noi si sono ritrovati d’accordo con la repulsione che Mike ha dimostrato nei suoi confronti. Ovviamente lei non ha alcuna colpa e resta la curiosità di sapere cosa riserveranno per il suo personaggio i fratelli Ruffer. Rimandata.

Billy: Lui è invece il fratellastro di Max. Sul look ci siamo, è quello tipico anni ’80, ma a “stonare” è proprio il suo modo di agire. Se lo scorso anno Steve aveva un’aria da bullo, in questa seconda stagione Billy rappresenta un odioso bamboccio pieno di frustrazioni e, per certi versi, insicurezze. Da vittima (di suo padre) si trasforma in carnefice, prendendosela soprattutto con i più deboli. La sensazione però è che in Stranger Things 3 il suo personaggio ci possa stupire, ricoprendo un ruolo più da protagonista e meno da villain. Pallone gonfiato.

Kaly: Poteva ritrovarsi tranquillamente nei nostri personaggi Up, invece non possiamo che inserirla nella lista dei Down. Nell’episodio 2×01 ci ha entusiasmato con il suo potere e già nella nostra mente prendeva forma l’indistruttibile alleanza tra lei ed Eleven. E, in tal senso, qualcosa del genere è accaduto nell’episodio 2×07, anche se ciò ha lasciato emergere soprattutto le profonde divergenze tra le due “sorelle”. Kaly ha poi scelto di lasciar andare via la giovane di Hawkins, quando poteva tranquillamente seguirla e sostenerla in una battaglia in cui avrebbe anche rischiato di perdere la vita. Di certo la rivedremo nella terza stagione ma quindi che senso ha avuto questo antipasto se poi non ha fatto altro che farci venire una fame pazzesca di “combo” di superpoteri? Vorrei ma non posso.

Dustin, ma cosa combini?

Dustin: Ok, può sembrare assurdo che il ragazzino più simpatico di Stranger Things si ritrovi tra i nostri Down. Eppure, nella prima parte dello show, Dustin non ci ha affatto convinti. Si è comportato in maniera superficiale ed irresponsabile, spinto probabilmente dalla voglia di pavoneggiarsi davanti a Max. Proprio per questo suo atteggiamento, a rimetterci è stato Mews, il suo povero gatto e, per poco, anche il suo amico Will. Nella seconda metà della stagione, però, Dustin ha riconquistato punti, dimostrandosi coraggioso e desideroso di farsi perdonare per quanto accaduto. Tenerissimo nella sua carrambata con Dart e nella vana ricerca di una dama per il ballo. Grrrrrr.

Stranger Things 2

 

E a voi, quale personaggio è piaciuto di più in Stranger Things 2? Ditecelo nei commenti e, nel frattempo, date un’occhiata alla nostra recensione della serie Netflix!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi