Suburra, recensione della serie Netflix: romanzo (di formazione) criminale

Suburra

La recensione della prima stagione di Suburra – La Serie, prequel del film del 2015, disponibile da questa settimana su Netflix.

Suburra – La serie: trama e protagonisti

È ambientata nel 2008, tre anni prima degli eventi raccontati nell’omonimo film, questa stagione 1 di Suburra. Più precisamente nei venti giorni che precedono l’effettività delle dimissioni del sindaco di Roma. Sullo sfondo, i fatti di cronaca italiana del periodo.

Tutti i personaggi gravitano attorno alla speculazione edilizia della zona di Ostia.

La politica è rappresentata da Amedeo Cinaglia (Filippo Nigro). Al Vaticano è legata Sara Monaschi (Claudia Gerini), mentre la strada appartiene alle due famiglie rivali Adami ed Anacleti. C’è infine chi ha il potere e l’esperienza di muoversi su più livelli. Non solo Samurai (nel ruolo Francesco Acquaroli sostituisce efficacemente Claudio Amendola), ma anche una nuova figura: quella della Contessa.

Recensione

La serie si aggiunge alla lunga lista di racconti di genere che ha regalato molte soddisfazioni all’Italia, negli ultimi 10-15 anni. Non solo riconoscimenti, dai David di Donatello fino a Cannes, ma anche quel successo economico che ha contribuito alla crescita, proprio grazie alla possibilità di investire, spaziare e sperimentare di più, del nostro cinema.

Mantenendosi stabile lungo il tracciato che regia, fotografia e casting del lungometraggio di Stefano Sollima avevano impostato, la produzione Netflix è quasi impeccabile. In alcuni episodi qualche scivolone non manca: nella sceneggiatura, certi snodi sono un po’ tirati per i capelli o proprio eccessivi, nella recitazione, talvolta da rivedere, e nella riproposizione non riuscitissima di certe inquadrature e pose caratteristiche dei ganster-movie.

Ma la serie non deraglia mai, offrendo anche diverse sorprese. Una su tutte è la Livia Adami, sorella di Aureliano, interpretata da Barbara Chichiarelli.

Il confine tra onesti e criminali è grigio, come i sanpietrini che lastricano le strade e le piazze di Roma

Della bravura e credibilità nel proprio ruolo di Borghi, Ferrara e Dionisi avevamo già avuto prova con la pellicola del 2015. Tutto il cast comunque, ruoli di secondo piano compresi, ha modo di dare, poco a poco, tridimensionalità e sfumature al relativo personaggio.

Degne di nota anche le scenografie d’interni, così come, ovviamente, le location scelte qua e là per la capitale, sia in centro che in periferia.

La storia, pur non inventando niente di nuovo rispetto al film o alle tipiche dinamiche seriali di tradimento, compromesso e doppio gioco, diverte. Rovesciando continuamente equilibri e situazioni, “tormentando” così i protagonisti delle vicende. Chi si trova in testa finisce puntualmente indietro e viceversa: da ogni problema nasce sempre un’opportunità.

Immancabili e numerose le scene di nudo, spesso integrale, tanto variegate da soddisfare qualunque gusto. Lo stesso dicasi di violenza e sequenze d’azione.

Insomma Suburra possiede tutto ciò che ogni appassionato del genere possa desiderare. A parte una seconda stagione pronta, che, speriamo, non tarderà ad arrivare…

Nuda come la bellezza grande come Roma / Santa e dissoluta Roma ama e non perdona / Roma ti divora come un barracuda / Roma nuda, nuda, nuda.” – 7 Vizi Capitale, Piotta feat. Il Muro del Canto.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi