Suspiria: la recensione del film diretto da Luca Guadagnino

Suspiria: la recensione del film diretto da Luca Guadagnino

Presentato al Festival di Venezia 2018, Suspiria di Luca Guadagnino rappresenta il remake dello storico film diretto da Dario Argento nel 1977.

Il Suspiria di Luca Guadagnino delude le (alte) aspettative

Per anni si è parlato di una nuova trasposizione del cult mondiale Suspiria, scritto da Daria Nicolodi e Dario Argento e portato sullo schermo da quest’ultimo con l’eccezionale fotografia di Luciano Tovoli nel 1977. Dopo tanta attesa il momento è arrivato, grazie al remake diretto da Luca Guadagnino e presentato al Festival di Venezia 2018. La curiosità è enorme (se ne parla come uno dei film più attesi della nuova stagione cinematografica) e i due trailer che hanno anticipato la visione festivaliera sono riusciti ad aumentare il mistero sulla pellicola anziché svelare qualcosa. Purtroppo la versione di Guadagnino delude, sia come remake che come film a se stante, dato che dell’originale mantiene giusto il titolo e pochi altri elementi.

Il regista sembra aver voluto fare totalmente a modo suo senza preoccuparsi del tradimento delle aspettative nel pubblico. Forse è troppo presto per dirlo? A pensarci bene il film di Argento quando uscì, successivamente a Profondo Rosso, deluse i puristi del giallo argentiano al punto che ci fu il caso della scritta sul muro accanto ad un cinema che rivelava l’identità dell’assassino (anche se è molto riduttivo e fuori contesto pensare a Suspiria come un “whodunit”). Il film diventò presto un’opera venerata nel mondo, ad esempio in Giappone… che succeda così anche con questo remake? Probabilmente dividerà, gli entusiasti ci sono già.

Prima di tutto il regista Luca Guadagnino sposta la location da Friburgo a Berlino e poi aggiunge troppa carne al fuoco: il contesto terroristico dell’“autunno tedesco” del ’77 con la RAF (o banda Baader Meinhof), il passato di Susie (Dakota Johnson) nella comunità Amish, un professore in possesso del diario di una studentessa di danza in delirio (e la scomparsa di sua moglie ai tempi della guerra). Francamente non se ne sentiva proprio la necessità e tutto ciò (a parte il diario, estirpato da Inferno, il secondo capitolo della trilogia delle madri argentiane) non aggiunge nulla alla storia.

L’atmosfera di Suspiria è quel che conta di più: la pioggia costante e la neve, l’assenza di luce e i colori ambrati, le scenografie, gli arredamenti, l’oggettistica e gli specchi, i volti delle attrici (avere come “musa” Tilda Swinton e impiegarla come “strega” veniva da sé), i movimenti di camera e i dettagli, le due sequenze oniriche con montaggio serrato e la colonna sonora composta dal leader dei Radiohead. Ma persino il lavoro di  Thom Yorke non è così convincente: dopo un brano cantato nella prima parte la musica passa in secondo piano per poi tornare più dominante ma senza un motivo portante riconoscibile, a differenza della soundtrack originale dei Goblin il cui confronto fa impallidire addirittura uno dei più talentuosi musicisti del terzo millennio.

Suspiria: la recensione del film diretto da Luca Guadagnino

Diviso in 6 atti e un epilogo il film avvolge nella prima mezz’ora, arrivando al suo culmine con la scena migliore, quella del primo omicidio, che non ha nulla a che vedere con quella indimenticabile del capolavoro dell’horror ma che colpisce nel segno. Il film tesse fili e semina suggestioni, sia con i dialoghi che con le immagini e gli accadimenti per poi prendere una piega diretta, esplicita e sfacciatamente sanguinosa laddove fino a poco prima c’erano mistero e suggestione psicologica. Non convince come finale adatto alla forma di narrazione che stavamo seguendo. La traccia più importante che il regista sembra seguire è quella della figura della madre, quasi in parallelismo estremo con l’ultimo lavoro di Aronofsky, dando alla sua opera come fulcro primario il movimento, il principio base della settima arte, e il corpo umano che lo compie e si modella, contorce, spezza, trasforma, ricompone (proprio nella Mostra del Leone alla carriera a Cronenberg). Onestamente, tolto il contesto della scuola di danza e l’aurea stregonesca che lo ammanta, se il film avesse avuto un altro titolo non avrebbe riscosso questa grande attenzione (se non per il successo di Chiamami col tuo nome) e probabilmente nemmeno Dario Argento avrebbe diagnosticato un plagio. 

Il cinema di Luca Guadagnino, che comprende Melissa P. e Io sono L’amore, è ancora fuori controllo. Nuovamente un contesto poliglotta (da vedere in originale: si parla inglese e tedesco ma anche francese) come quello di Call me by your name ma se in quest’ultimo l’autore padroneggiava l’atmosfera estiva anni 80 e i sentimenti tra i due protagonisti che sfociavano nella commozione, con il thriller paranormale non si destreggia in egual misura: il film non fa paura e non è nemmeno inquietante. Ad un certo punto udiamo questa frase: “Il delirio è una menzogna che dice la verità”. La verità, in questo delirio, è che la nuova ballerina che subentra a quella “fuggita” non spaventa e inquieta nemmeno lontanamente né quanto il film a cui si ispira ma nemmeno rispetto al guardiano dell’hotel che prende il posto di quello impazzito precedentemente o all’inquilino del terzo piano che sostituisce colui che ci abitava prima e diventa folle. E anche la presenza di Jessica Harper a richiamare il classico dei settanta risulta un po’ appiccicata. Peccato. Profanato ormai un capostipite del genere ci auguriamo a questo punto che ci riprovi un altro regista, magari per il cinquantennale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi