The Alienist: recensione e trama della serie Netflix tratta dal romanzo di Caleb Carr

the alienist

L’adattamento televisivo di The Alienist come spaccato sulle credenze convenzionali legate all’ambivalenza del proprio io.

Distanziarsi (no turning back)

Scavare ed evitare di trattenersi; una procedura, questa, che metaforicamente parlando manda il proprio apparato neurale fuori giri e lo distanzia dal vero sentire interiore. D’altro canto, arrovellarsi su una questione presente e futura non fa che autodistruggere l’individuo confinandolo in un limbo escludente, alla cui base prevale un totale (e tombale) immobilismo sensoriale. Quale rimedio, quindi, per riappropriarsi di un dimensione maggiormente consona e protesa all’auto-realizzazione? Se oggigiorno la risposta può essere ricercata anche in un percorso di stampo prettamente socratico, in passato ciò confluiva nell’affidarsi ad uno specialista; magari sui generis, giusto per non farsi mancare nulla e pervenire, in un modo o nell’altro, alla soluzione sperata.

The Alienist, la trama: profili da analizzare

La predetta elucubrazione introduce, così, a The Alienist, la serie tv approdata, di recente, su Netflix, dopo aver debuttato sulla statunitense TNT. La trama di questo affascinante adattamento televisivo si svolge nella New York del 1896 ruotando intorno al ritrovamento di un corpo mutilato. La vittima, un giovane ragazzo che tirava a campare prostituendosi, attira l’attenzione dello psicologo criminale e alienista Laszlo Kreizler e dell’illustratore John Moore; due profili che raccontano più di quanto vogliano far credere – come ben presto capirà il commissario Theodore Roosvelt. Inoltre, il contributo alla causa in oggetto viene enfatizzato persino dalla segretaria Sara Howard e dagli esperti Marcus e Lucius Isaacson, due detective col pallino delle scienze comportamentali. Un quadro di protagonisti e comprimari piuttosto variegato che incrocerà, episodio dopo episodio, non poche complicazioni.

La recensione della serie Netflix tratta dal romanzo di Caleb Carr

Basata sul romanzo di Caleb Carr, The Alienist imbastisce un canovaccio dal piglio deciso tenendo fede all’idea di fondo dello show e del periodo storico in cui esso stesso ha luogo; una convinzione (oltre che una convenzione) secondo cui una persona affetta da problemi mentali fosse alienata dalla propria vera natura. Opinabile o meno, il concetto in sé dà il là all’anima procedural della serie ponendo il focus sui passi in avanti compiuti dai metodi investigativi del tempo. Un evidente perfezionamento professionale che cozza inevitabilmente con contraddizioni, pregiudizi e luoghi comuni di un contesto vessato da una percezione globale falsata.

Tuttavia, l’organicità della messa a punto finale risente di qualche passaggio a vuoto. C’è tanta carne al fuoco, è evidente: ed è proprio per questo che un arco televisivo di 10 episodi non può esemplificare il tutto in maniera inappuntabile. Questioni lasciate in sospeso, forzature e altro penalizzano, così, una produzione dalla spiccata carica autoriale; basti pensare ai nomi degli autori coinvolti (Hossein Amini, E. Max Frye, Gina Gionfriddo, John Sayles e Cary Fukunaga), un novero capace di influenzare addirittura la resa visiva della ricostruzione scenica. In merito a tale considerazione, risulta perciò superlativa la riproduzione della New York del 1896, un artificio elaborato e congeniale alle eccellenti interpretazioni del cast coinvolto. Impossibile non menzionare le performance di Daniel Brühl, Luke Evans e Dakota Fanning, sorprendentemente a loro agio con un genere diverso dal solito.

Trailer e disponibilità su Netflix

The Alienist è presente, all’interno del catalogo Netflix, dal 19 aprile 2018. A seguire, il suo intrigante trailer ufficiale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi