Young Sheldon, recensione episodio 1×04: appiglio fumettistico

young sheldon

Un piccolo imprevisto conduce alla nascita della passione fumettistica del Dr. Cooper. A seguire, la recensione dell’episodio 1×04 di Young Sheldon.

Young Sheldon, recensione episodio 1×04: esitare non serve a nulla

Incertezze e ripensamenti sorgono quando si va a incontro a degli episodi traumatici, per nulla preventivati dalla propria sfera razionale affinché vi si possa porre subito rimedio. Tuttavia, sta proprio lì la risoluzione positiva del tutto, poiché un’eventuale fase di stallo non può che giovare alla propria crescita interiore e portare, parallelamente, a un percorso di miglioramento spirituale. Un grado di coscienza tendente verso l’alto, il cui scopo prioritario sarà pregiudicare sul nascere ogni possibile sviamento.

Comic book? Giammai!

Può una salsiccia complicare l’esistenza di un futuro genio della scienza? A quanto pare, sì. L’episodio 1×04 di Young Sheldon comincia con un un piccolo imprevisto casalingo che rischia di strozzare – letteralmente parando – il piccolo talento in erba. Questo inconveniente induce Shelly ad evitare qualsivoglia tipologia di cibo solido; e ciò non può che destare la preoccupazione di George e Mary, che dopo diversi tentennamenti decidono di correre ai ripari. Un rimedio quantomeno opportuno affinché la sua cagionevole consistenza fisica non cozzi con una regolare assunzione dei pasti, elemento preponderante per la sua fase esistenziale.

Ricorrere a uno psicologo sembra una via praticabile ed economicamente congrua – visto che il buono di Cooper senior è in grado di coprire l’intera spesa. Tuttavia, mentre Sheldon attende che il primo consulto tra lo specialista e i suoi genitori si concluda, accade l’imponderabile. La lettura di un numero degli X-Men schiude la mente del suo immotivato scetticismo. Strani mutanti con poteri straordinari ma che non riescono a essere capiti e accettati dagli umani: in poche parole, la routine quotidiana di Sheldon Cooper, che incuriosito da tale antefatto decide di saperne di più. La scoperta dei comic book (una passione condivisa anche da Tam) è una panacea capace di spezzare la titubanza del momento e vincere le proprie paure. Uno scatto ulteriore verso una consapevolezza tout court.

Divertimento e riferimenti sparsi

Il quarto episodio dello spin-off di The Big Bang Theory e fra i più divertenti visti sino ad ora. La forza dell’appiglio fumettistico trascina lo spettatore lungo una sceneggiatura briosa, ricca di sarcasmo e di riferimenti allo show a cui fa capo – come la celebre frase “You’re in my spot”. Inoltre, la regia dinamica della serie TV prodotta da Chuck Lorre (enfatizzata da una piccola virata nella nona arte) sottolinea il magnetismo di alcuni personaggi e li consacra come cardini imprescindibili per la prosecuzione globale. Insomma, un format che mantiene la stabilità del suo standard d’origine.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi