Zack Snyder, prosegue la querelle tra l’ex regista DC e la Warner

(UNITED STATES - Tags: ENTERTAINMENT) - RTX10J3M

I social mantengono vivo l’universo DC di Zack Snyder grazie ai fan e a chi ha lavorato con il regista che, con lo stesso Snyder capofila, utilizzano il web per far trapelare, in modo spesso criptico, dettagli idee che la produzione non ha permesso di realizzare.

Zack Snyder Vs Warner Bros, la storia continua

Non passa giorno senza che venga pubblicato qualche tweet del regista Zack Snyder (o di persone che hanno lavorato con lui), rimosso dall’universo cinematografico DC Comics dopo averlo praticamente creato e affossato con film imperfetti, controversi e poco premiati sia dalla critica che dal pubblico. Tweet a ripetizione che riguardano quello che avrebbe voluto fare, la sua visione sull’universo DC che la Warner Bros ha praticamente abortito scegliendo nuovi registi e nuovi toni per i suoi prossimi film, vedi Shazam. 

L’ultimo in ordine di tempo è la risposta di Jay Oliva che, in qualità di storyboarder, ha collaborato a tanti film di Zack Snyder. Jay Oliva non si è sbilanciato, ma ha comunque buttato benzina su quel fuoco polemico che la Warner Bros vorrebbe spegnere facendo dimenticare in fretta gli errori passati. Oliva dice che non può sbilanciarsi ma che il progetto di Snyder, che comprendeva un percorso di cinque film (e ne abbiamo visti tre con Man of Steel, Batman vs Superman e appunto Justice League), era qualcosa di epico, enorme, emozionale ed indimenticabile.

L’idea nei corridoi di produzione è che tutta questa insistenza sul film sbagliato da parte del regista estromesso sia indirizzata allo spingere la Warner Bros a far uscire la sua director’s cut come già successo con Batman Vs Superman. Oltre ad Oliva, lo stesso Snyder ha fatto sapere, discutendo con un suo “seguace”, che una immagine di Batman vs Superman (in foto) rimandava a quanto sarebbe accaduto nella Justice League parte 2. Ovviamente ci vuole un fermo immagine e una perdita discreta di diotrie per individuare tre croci sullo sfondo.

Tutto appare dunque molto criptico, oscuro, simbolico e superficiale come piace a Snyder e a chi lo apprezza: di chiaro e solare c’è l’esigenza di mantenere vivo il ricordo del controverso e fallace universo cinematografico.

La Warner Bros, però, sta mutando atteggiamento e, preso atto che di quei film le cose più note e popolari sono i difetti o certe scene epiche sulla carta ma ridicole al cinema, come quella famosa di Batman e Superman che smettono di combattere e diventano amiconi perchè le loro mamme hanno lo stesso nome, ha deciso di fare buon viso a cattivo gioco prendendosi a sua volta in giro.

Alla fine, film come Deadpool 2 che citano e ironizzano su Snyder e sul suo tono eccessivamente cupo e musone, sono pur sempre pubblicità. Quello di cui farebbe a meno sono le continue stoccate e rivelazioni di cosa la rimozione di Snyder ha impedito di far vedere al pubblico. Il matrimonio con Snyder non è andato come si sarebbe voluto, il divorzio però è tutto fuorchè consensuale e l’unico modo per seppellire il passato è che il futuro, ovvero i nuovi film, riporti pubblico, ottimismo e botteghino dalla parte del disastrato universo DC.

Zack Snyder Warner

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ti potrebbe piacere anche..

News categoria
Leggi ancora

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi